nuovepratiche.it_1980x1080px-01

Progetto grafico di Studio Super Santos per NUOVE PRATICHE con il Sud          _

Ecomuseo Mare Memoria Viva - Ex Deposito Locomotive Sant'Erasmo - Palermo

NUOVE PRATICHE CON IL SUD

15, 16, 17 Ottobre 2015

#SPAZIDANONPERDERE

INFO

Nuove Pratiche Fest è un’iniziativa dedicata all’innovazione sociale attraverso l’agire culturale e ai modi diversi per “fare cultura”.

Dalla prima edizione nell’ottobre 2014 si è inserito come in un calendario di eventi nazionali che comprende tra gli altri ArtLab, Festival Delle Comunità del Cambiamento, Fatti di Cultura, Workshop sull’impresa sociale.

L’anno scorso ci siamo confrontati sui grandi mutamenti, velocissimi, dell’economia della cultura e della società: dal materiale all’immateriale, dall’intermediazione alla filiera corta, dalla proprietà all’accesso, dalla fruizione passiva all’autorialità diffusa, dalla competizione alla collaborazione.

La cifra del Nuove Pratiche Fest è stata porre la questione dell’innovazione culturale come strettamente legata a quella dell’innovazione sociale, cioè come un tema politico. È emersa così la necessità di ripensare l’intero sistema-cultura – i diritti, le norme, le misure di sostegno, i modelli.

Quest’anno siamo all’Ecomuseo Mare Memoria Viva. Una edizione speciale che coincide con il compleanno della Fondazione CON IL SUD.

“NUOVE PRATICHE CON IL SUD” 2015 unisce persone e organizzazioni dell’innovazione sociale e culturale in una tre giorni di confronto e dibattito il cui filo conduttore sarà il tema degli spazi. [maggiori informazioni su conilsud.it]

Scrive Georges Perec in “Specie di spazi”: Viviamo nello spazio, in questi spazi, in queste città, in queste campagne, in questi corridoi, in questi giardini. Ci sembra evidente. Ma non è evidente, non è scontato. È reale, evidentemente, e probabilmente razionale, quindi. Si può toccare. Ci si può perfino lasciare andare a sognare.

Gli SPAZI DA NON PERDERE sono quelli rigenerati da comunità di persone attive, sono occasioni di cambiamento e lavoro, sono gli spazi che pubblico e privato possono abitare insieme. Esistono ma perché si moltiplichino e smettano di essere “buone pratiche” bisogna conoscerli, dagli valore, cambiare prospettiva, fargli spazio.

CHI SIAMO

CLAC è un’impresa culturale impegnata in progetti di comunità e valorizzazione. Adattarsi a contesti mutevoli è, ed è stata, la cifra distintiva del nostro lavoro, per questo crediamo nelle comunità resilienti e ci impegnamo perché capacità di progettazione e innovazione culturale siano base di cambiamento del nostro territorio… segue su www.clac-lab.org

Pescevolante transmedia progetta e cura formati e contenuti creativi: libri materiali e digitali, eventi, spazi e oggetti transmediali, affiancando all’esplorazione delle nuove forme dell’editoria una politica di intervento culturale… segue su www.pescevolante.it

Advisory Board

Chiara Galloni
Alessandra Gariboldi
Barbara Imbergamo

Valentina La Terza
Marco Liberatore
Neve Mazzoleni
Bertram Niessen
Agostino Riitano
Guido Smorto
Alessia Zabatino

Staff

Filippo Pistoia, Cristina Alga, Andrea Libero Carbone, Marina Sajeva, Sheila Melosu, Vincenzo Italiano, Pietro Milici, Davide Leone, Noemi Troja, Naida Samonà

Visual: Studio Super Santos

WORKSHOP –  SPAZI DI TRANSIZIONE

Giovedì 15 dalle 11.00 alle 18.00 Nuove Pratiche Fest cura una giornata di studio e confronto dedicata al tema degli spazi per l’innovazione culturale, ai modelli di partnership “ibrida” tra pubblico e privato sociale e a casi di rigenerazione culturale urbana dal basso.

Momenti di elaborazione collaborativa si alterneranno a seminari formativi sul tema della cogestione pubblico-privata del patrimonio culturale di un’ora ciascuno rivolti ad operatori e amministratori. Uno con Franco Milella (Fondazione Fitzcarraldo) – “Patrimonio culturale pubblico: come ridare centralità al principio dell’interesse pubblico nei processi di valorizzazione. Normativa nazionale e nuove prospettive a partire dal concetto di valore d’uso”.

Un altro con Daniela Ciaffi (LABSUS) – “ Potenzialità di applicazione ai beni culturali del Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione di beni comuni urbani”.

Il workshop a partecipazione gratuita ma registrazione obbligatoria si rivolge ad operatori culturali e sociali che lavorano sul tema della governace partecipativa, sul ri-uso degli spazi dismessi, su progetti di rigenerazione urbana bottom-up.

A partire dai seminari e dalle riflessioni di alcuni ospiti già confermati tutti potranno contribuire al dibattito, raccontare storie, proposte, criticità.

Tra i partecipanti: Antonio Martiniello Made in Cloister, Cristina Di Stasio Quartiere Intelligente, Sergio Galasso MareMIlano, Marco Polvani Borghi attivi, Giorgio De Finis Museo dell’altro e dell’altrove, Ciccio Mannino Officine culturali, Bertram NIessen e Marco Liberatore CheFare, Valentina Laterza Ex Ansaldo, Damiano Aliprandi Paratissima, Chiara Galloni Articulture

SEI UN OPERATORE INDIPENDENTE, HAI UN PROGETTO DI INNOVAZIONE CULTURALE, FAI PARTE DI UN’ ORGANIZZAZIONE CHE VUOLE CAMBIARE LE COSE O TI INTERESSI DI NUOVE FORME DI GESTIONE DEL PATRIMONIO E DELLE ATTIVITà CULTURALI?

VIENI A PALERMO A CONFRONTARTI CON ALTRI COME TE E COME NOI

Le iscrizioni al workshop sono chiuse. Non perdere gli altri appuntamenti in programma

DOVE

“Il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare” scriveva Giovanni verga ne “I Malavoglia” e lo si può capire visitando a Palermo l’ecomuseo Mare Memoria Viva, un ex stazione di fine ottocento, 1200 mq con giardino e spazi esterni, trasfromata in museo multimediale.
Siamo sul mare ma il mare non si vede nascosto tra colline artificiali, munnizza, palazzi e fabbriche dismesse in questa costa tormentata. Eppure poi ti investe di luce e la sagoma, perfetta, del Monte Pellegrino sta lì, promontorio più bello del mondo che consola e rassicura.
Il mare di Palermo si può ancora salvare e da questa convinzione e dalla passione e determinazione di CLAC e un gruppo di giovani lavoratori culturali, sostenuti dalla Fondazione CON IL SUD è nato MARE MEMORIA VIVA.

Un ecomuseo è un museo del territorio che mette al centro la funzione sociale e la partecipazione della comunità, è un patto con il quale una comunità si impegna a prendersi cura di un territorio.

Mare Memoria Viva nasce da un lavoro di ricerca e comunità, sulla memoria e sul presente di Palermo e il suo mare.

I materiali dell’ecomuseo sono stati raccolti nei quartieri della fascia costiera della città, incontrando e intervistando gli abitanti e la gente di mare, mappando i luoghi significativi del territorio, raccogliendo storie, fotografie, video e ricette, organizzando attività e incontri in spazi pubblici e luoghi di aggregazione.

Questi materiali sono ora fruibili in exhibit interattivi all’interno di uno spazio che è luogo di aggregazione aperto e occasione di sperimentazione di un’inedita governance pubblico-privata con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo.

CONTATTI

CLAC

via Re Federico 23
90138 – Palermo
Tel +39 091 84 30 492
Email info@clac-lab.org
www.clac-lab.org

Ufficio Stampa

stampa@conilsud.it

FONDAZIONE CON IL SUD

visita il sito

SEGUI NUOVE PRATICHE FEST SU:

storify
twitter

leggi l'eBook multimediale dell'edizione 2014

Un tentativo di risposta collettiva alla domanda «Che cos’è innovazione culturale?», a partire dai contributi dei partecipanti alla prima edizione del NUOVE PRATICHE FEST.

scarica